Archivi categoria: INTERVIEW

XENA Modern Goddess

XENA Modern Goddess
XENA Modern Goddess

XENA Modern Goddess

XENA Modern Goddess

  XENA Modern Goddess –  You’re a writer and your writing has a very specific form, both in the text and in the choice of almost graphic expressions. Symbology that I see in this is deep and I’m sure it has its roots about which we could talk. What is the writing for you? What are your main themes? Why those topics?

Writer

Writing is an attempt to figure out the content, during dreaming. Sometimes it is an internal need, psychological and physical puzzle of the need of his own being growth. We grow, with the zenith of our heads to tap death matter of the stars.

STAR

Graphic expression, graphic design of omnipresence, is an exciting challenge for all of us, our aesthetic essence of being. Through graphic design, I reduce a complex picture of the world, to the grapheme, the sign, which vibrates in its smallness. This achieved, a simple little thing, is an abstraction transformed into sound and color, voice and movement, another, art-life, I guess.

Divine

Being known to the large audience as a muse of the famous photographer Helmut Newton, could be the life achievement for anybody. When talking about Xena, it’s just an important part of her rich career, as it is her work on the film. I’ll cite some: “Nirvana”, Gabriele Salvatores, “For happiness you need three”, R. Grlic, “Hot afternoon”, M. Sesardic, “Macolata Conceptio”, where Xena was the director. She worked with: Solima, D. Risi, M. Ferreri, C. Ferrario, among the others. Then comes the theater, radio & TV, video.

FASHION

Another important part belongs to the fashion industry, where she worked as the top model for Alexander McQueen, Jean-Paul Gaultier, Miyake, Versace, but she also had her own fashion house “Hermetika” in Milan, Italy, where she still lives. This is just to give you the idea about the personality you’ll get to know better.

cryptic

Thanks to our long friendship I was able to ask her things you probably don’t know. The way she answered, represents her too. This explains why we’ve made this interview talking in Serbian, Croatian, Italian, and English. For the convenience, I’ve left it in English and somewhere in Croatian, to show you how cryptic she was when talking in her language, “knitting” the words I’ve used into new meanings she was giving, playing then in Italian, or being serious in English…

re-birth

She simply lives her art, whether it’s her body expression, the embodiment of words, sounds, or tone volumes, it’s always a Life Energy she’s giving as a modern Goddess, creator of future worlds, bringing the meanings from the invisible into visible world, physical dimension, and the senses of other people, to give them one new, different re-birth.

dimension, and the senses of other people, to give them one new, different re-birth.

XENA Modern Goddess
XENA Modern Goddess

 Identity

Ime i prezime / Name and surname

Ime – IMAM

Prezime – PRIJE ZIME (DRVA)

Datum, godina i mjesto rodjenja / Date, year and place of birth
Drzava / State
Nacionalnost / Nationality
Boja kose / Hair color
Boja ociju / Eyes color
Mjesto boravka / Resident in
Adresa stanovanja / Address
Spol / Sex
Porodicni Status / Family status
Zanimanje / Profession
Posebni Znakovi / Special signs

 Forever

I would like if we can show the people your personal side because the artists rarely turn it to the public. I’ll take advantage of our friendship to talk not only about your incredible career but more about you through your private life, the side that is not available to the public, but it’s visible in your art. You as a child. How do you remember yourself? Where did you live? What is the first image you remember? Which flavors, colors, characters, silence you remember? Let’s go back to your childhood and follow your steps towards your glory. 

Career

Tide, low tide, dream and reality, plunging and rising. Here, I turn to the right, at the white cypress, I have not slept. Streight to the well of Mnemosyne*, a try to remember the life, especially my life. (*The goddess of memory, mother of the Muses)

Childhood

Childhood, throat watching, openly. This is the non-age, the body is small, eternally hungry, sleeping in the open air; the figure of the Greek god Eros, of wild forces. Childhood didn’t live me, I did not ask the condo-lenses; I lived some über-life bastard combination of existing and non-existent. All, filled with emptiness.

Childhood, preparing for mortality, facing eternity.CLICK TO TWEET

Eternally evaporate mysterious fumes at Delphi, the navel of the world, while prophetess Pythia vaguely answers. I live with unsolicited non-acquaintance, the apparent knowledge of the world.

XENA Modern Goddess
XENA Modern Goddess

REBEL

Childhood in alchemist Istria, in Labin, a town of miners. Descent into the black bosom of the earth, black sun in the heart. I was, what I will never be; beats bit somewhere noisy, under fingernails, in the high hair, and wait for my dead, recruits in the heart of my world.

What characterized that time? Was your childhood carefree? We are talking about the sixties when we lived a quiet life in a socialist “brotherhood and unity” as the frame. I used to make the theater in the courtyard of my grandparents and the audience was mainly composed of the old people from the same street. How was in your area at that time? 

UR

…I didn’t live then…

Apples are my Ur-image, a green hospital elevator in Rijeka. Sea horizon in elevator’s vertical, hospital smell, overcasting those of I-apple (din), that are the thing in itself, in Kantian terms. Apples, were real, more real than me, my mother, my conscience and God himself. I was alone, abandoned in the Open, where apples were growing somewhere in the garden of Random Knowledge.

Apples

Jabuko, jabučice / bukni brzo /  Bukvinu crtu prekorači / bučno

Others are just characters, devoid of similarities with me, with my I, my is at-tendance.

Suće, sućevito /  sukni, bukni /  nasukaj brodicu /  rodi me nanovo / ab ovo / podari život sućan /

/ sunčan, člankovit / ja-san, nemaglovit

Where here was the place for what we call conventional love, mortally friendship, etc., etc.?

Where was the place for God, Tito and the Party, the philosophy, and glamorous nudity?

In the corner of the head, not in the brain as a whole, in slices, secretly thrown to the favorite animal.

In the particle, I waited and lived often, chaste. “I congratulate the integrity” – said the garlic and smells heavenly.

XENA Modern Goddess
XENA Modern Goddess

What characterized that time? Was your childhood carefree? We are talking about the sixties when we lived a quiet life in a socialist “brotherhood and unity” as the frame. I used to make the theater in the courtyard of my grandparents and the audience was mainly composed of the old people from the same street. How was in your area at that time? 

theater

…I didn’t live then…

Apples are my Ur-image, a green hospital elevator in Rijeka. Sea horizon in elevator’s vertical, hospital smell, overcasting those of I-apple (din), that are the thing in itself, in Kantian terms. Apples, were real, more real than me, my mother, my conscience and God himself. I was alone, abandoned in the Open, where apples were growing somewhere in the garden of Random Knowledge.

Jabuko, jabučice / bukni brzo /  Bukvinu crtu prekorači / bučno

Others are just characters, devoid of similarities with me, with my I, my is at-tendance.

Suće, sućevito /  sukni, bukni /  nasukaj brodicu /  rodi me nanovo / ab ovo / podari život sućan /

/ sunčan, člankovit / ja-san, nemaglovit

philosophy

Where here was the place for what we call conventional love, mortally friendship, etc., etc.?

Where was the place for God, Tito and the Party, the philosophy, and glamorous nudity?

In the corner of the head, not in the brain as a whole, in slices, secretly thrown to the favorite animal.

In the particle, I waited and lived often, chaste. “I congratulate the integrity” – said the garlic and smells heavenly.

remember

In my place, lived at the edge of consciousness, alone, the world pre-worldly, hidden lights. Watched closely my brother; he smashed the windows of the Labin, using anger, cholera of the world. I remember my brother, I remember a brother, a war in the body of his soul, which is falling apart. Honest farmers in the war, killed, farming, fall.

LoVeX

In my place, lived at the edge of consciousness, alone, the world pre-worldly, hidden lights. Watched closely my brother; he smashed the windows of the Labin, using anger, cholera of the world. I remember my brother, I remember a brother, a war in the body of his soul, which is falling apart. Honest farmers in the war, killed, farming, fall.

I see you as a high girl, taller than the others, but I don’t see you in ordinary games. Your face is almost iconic as if it were carved in stone, yet soft, while the eyes are penetrating, and this mix is amazing, you radiate, attract. Helmut Newton didn’t arrive by chance in your life. I remember those images, the light is special.

face –  musk

My face is not cheek, not a mask; face has for a thousand years. View, outdoor, hard on things, interior monody, devoid of illusions.

     Opsjene, opsjene / Budite hijene / Daleko od mene / Držite /

     Opsjenare prave / One, gnjevne

 

In your surroundings, there are sea, coast, stone, sky, mine, nature, in which the crickets are singing and stones are answering. I see this as a frame to your spiritual side. Your beauty is full of peace and restlessness. What memories do you have from those days of peace? What books do you read, what movies you watch and what you dream about? What’s the music you love? With whom you hang out?

Mirage

Assuage continuous unrest, measured by life tension, all in all, there is no peace.

The mind is an illusion and a mirage can not see.

In the stone and of stone you live. We actually are this petrified marriage in the story, freed of time, movement and space. Unborn, or seeded around the world.

FOREVER

You are forever“, shouted a stone that has never spoken.

In childhood, the writer was Mato Lovrak and I did not sleep on our laurels. I knew, “Train in the Snow“, once when stops, life certainly freeze fast, somewhere in the field, on the side. In this “strawberry fields”, was already I. Bergman and the northern rigor of life. Then, there is a Romanian E. Cioran, the cherry on the cake, indigestible. It remains forever F. Nietzsche and his last “madness sheets”, written in Turin…

Zapjevaj mi novu pjesmu / Svijet je preobražen i sva se nebesa raduju / Razapeti

Music. In this 2016 year – one is the name of David Bowie.

David Bowie

All deaths are unequal: some, following the Matrix by edge through particularity of the person who fostered it, do not break its form, but filled it with life. Supposed mortal, therefore, traveling the heavenly spheres, does not give in the gravity forces of the planets, but quickly sail to its own star.

David Bowie is one of them. Why tied with his Matrix recognize, I recognize blood relation, closeness, and warmth of earthly exile, un-alienation in unauthenticity of Contemporaneity, the limitlessness of space life in time peace, while the discipline of his voice, the power of music and gesture, course my being? Where did it come to you, to me, the fluidity of David, his unappeasable desire for perpetual metamorphosis? Gradually he becomes the votary, never thinking to backtrack.

David Bowie, in his constant transforming, didn’t pretend: really didn’t cheat, but again and again launching his spacecraft in the ocean of the universe, cheering so my own, your dream of excellence My and your life.

BLACKSTAR

Every life is a miraculous and extraordinary, tied a red thread on the origin which escapes us. He knew how to embody it, present it, repeatedly networked WEFT of BEING. David Bowie leaves at the end of earthly life the “BLACKSTAR“.

Everything in this album thoughtfully outlined the consistent philosophy of righteous living. -…CLICK TO TWEET

Dark Star

It comes to my mind the movie of the American director John Carpenter, “Dark Star“.

Dark Star“, the name of the spaceship, which in an almost surreal story, falls apart because of “disobedience” one bomb in the tank, which exploded, considering itself the embodiment of God, following its unlimited Will to Power. The crew rescues and levitate in space, catching for other aircraft. So Doolittle, seasoned surfer, on one repayment that simulates a surfboard, shave through the universe, while Talby, a lover of comets, tucked in their path, going towards admired stars.

Everyone gets what most loved, that boyish deepest core of dreamy life. Just Awesomeness has the option of Truth.

LOVERS

David Bowie. I imagine him now levitating, after the death integrally occupied his Matrix, releasing clean his face in apocalyptic light of the earthly living, he levitates tied to the humble, favorite object of his previous life, the time between the dark, the time between the glowing stars, constantly pulsating, here in me. Forever X.

Lovers in the apple of the eye, are born and die.CLICK TO TWEET   

 Loneliness

Let’s talk about love. Yes, I know you’ll say: “Val, no way.” But I know you’ll do this as a concession because your story would not be complete without talking about love, first love, from the school benches. What was it for you? 

Loneliness requires something more than what we call love. Love snotty’s state of consciousness, infantile cooing, in the electromagnetic field of total life.

Ljubav je bol na srcu mom / Ljubav je Bol na otoku Braču / Braćo, čudimo se što ljubavi gotovo nema

The death of my brother meant the destruction of the farmer, and I came out from my visual fields. Grooves are no longer correct, they are the hallucinogenic optical illusions now, in modern times, without form.

Let’s talk about love. Yes, I know you’ll say: “Val, no way.” But I know you’ll do this as a concession because your story would not be complete without talking about love, first love, from the school benches. What was it for you? 

Ljubav

Loneliness requires something more than what we call love. Love snotty’s state of consciousness, infantile cooing, in the electromagnetic field of total life.

Ljubav je bol na srcu mom / Ljubav je Bol na otoku Braču / Braćo, čudimo se što ljubavi gotovo nema

The death of my brother meant the destruction of the farmer, and I came out from my visual fields. Grooves are no longer correct, they are the hallucinogenic optical illusions now, in modern times, without form.

Helmut Newton

An important part of your career takes up work with Helmut Newton. What we do not know is how it came to this collaboration and how long it lasted. Tell us a little about it, that atmosphere.

Late Newton (the best are already observing us curiously from the other side) thanks to his refined female sensibility became one of the greatest discoverer of the female nature, its complex mechanism of power, which still controls most physiological processes in human life.

Newton actually elevates woman almost to her divine, archetypal role of warrior and seductress (do not be fooled by situations in which women supposedly is treated as a subject!).

In all situations, even those impossible “constructed” situations, Newton’s wife radiates through her nakedness some sort of primordial force.

MOTHER

From Neolithic naked Goddess – Mother on a throne surrounded by Anatolian leopards to Newton woman in fur or just naked in high heels is evident that eternal feminine, the sacred power of eros and death that keeps us so terribly bonded to Mother Earth.

June (alias Alice Springs) has discovered my wild nature: of the doe, opened, in a clearing, closed, hidden behind the trees, but always tremendously thirsty clean, pure mountain water.

 

 Hermetika

This artistic atmosphere is not only you as the incarnation of beauty, but you and spirituality, you and creativity. When was Hermetika created? You had the fashion house in Milan. Reveal to us the mystery of the surreal beauty of your fashion line.

385540_2273427792054_140749120_nFashion house “Hermetika” and its production, were the natural continuation of my vision and fashion design in an elevated state of consciousness, of the world glamor. The beginnings were in Zagreb, with the fashion magician Vladimir Rudinsky.

Rudinsky, was the “Great Mother of fashion”, creative omniscient, “Sartor Divinus”. A dream of embodying “Hermetika” with him, never realized. He left me too soon and then I have never been able to find a worthy replacement. The one who took his destined place was replaced by himself and sailed away through the Baroque roads of narcissism. Strange are the roads of fashion: shine, we leave the simple roads, losing in chimeras, worlds without measure.

Nomen Est Omen

Hermetika was the fashion house that never took root. If Nomen Est Omen, then it is expressed with a powerful language formation, incomprehensible to everyone. And there ruled my unwritten Dépense, wastage of generously giving, assuming the inner sacrifice. It was pure creativity without the commercial boom.

Why fashion, why engage in fashion arena, where lions are always hungry, in athletic form, although devouring without measure?

* Answer: self sabotaging, waving in a constant highlighting of the menstrual awareness

* Performans: to blow all the material, to waste all that conventional

* Synthesis: anything that is hermetic, is not invisible

HERMETIKA

I lived in a “golden age” of fashion: fashion designers, fashion houses for which I worked – their names are legacy. From many of those, still unestablished and very interesting, to big, whose names remained high and preserved to this day. The most important thing was to do: move, in the density of the world, to unravel a network of wondrous shapes and they always shine, smelled heavenly and cuddling your ego: Go, Go, Baby!

 Artist

You’re a performer. Your body is art in motion, your expression is always concise, full. Your being on the scene is always the conversation, interaction with the audience. You often write the text, I think first of all on the theater scene. Tell us something about your performances, such as dedicated to Carmelo Bene, or about great events and great people who organize them, Biennale, for example, as well as the big shows, like Chiambretti, stage performances in clubs, like the one where you worked together with Andi from Blue Vertigo.

Phoné

I do not recognize myself in any archetype. You must literally go through all of them (like a ghost through walls) to stay awake, unstable in one’s optical field. Be Rilke’s no one’s dream and free flow like water circuit. Water leads us.

The underlying theme is Phoné, voice deeply linked to sound and vocal expression of being.

Carmelo Bene

Carmelo Bene was the embodiment par excellence of a conscious and deeply thought-out concept of the human voice, height, intensity, and timbre are the elements that distinguish voices among themselves.

The concept is as follows:

  1. Rigorous central support (dynamic of diaphragm)
  2. Random selection of splice
  3. Strictly keeping tonality in game function within it

In short: it is the richness of timbre, although the color remains the same and tonality changes.

Thus disciplined voice gets the orchestral capacity full swing.

Carmelo Bene

Carmelo Bene in his performances was like Demiurge who invokes the dead and makes them alive, high-frequency vibrating beings, who intensely live outside and inside play. The idea, which evokes the life and embodies the ex newly deceased Carmelo, followed by the following tenets:

  1. In “Apocalypse” or “Revelation”, the final book of the Bible, the resurrection of the dead begins to sound powerful trumpets: zadirajući the bones, he wakes up and re-formed long ago decomposed bodies.
  2. Voice of Women (Xena) and twelve male figures that may be associated with Jesus’ apostles and also the choir of ancient Greek tragedy, in a function of the Incarnation figure of C.B. and his new critical living, full of judgment and paradoxical expressions.
  3. The essence of their communication can be called “COUP DE GLOTTE”, “IMPACT (Swing) of CORDS”, which produces Explosive Consonant

Milano, Italy. Why not Munich? Why not London? Why not New York? What was so important that the city of finance could offer to make you stay in it all these years? Fashion is just one small element if we look at the city from the perspective of your interests. Shall we look at it from the perspective of people maybe? 

Milan

Milan, ancient Mediolanum, etymologically means “a place in the middle of the plains.” Did I want to simplify life and make it flat, straight and gullible? Deep in the subconscious, perhaps. My restless complexity, creased inner being, looking for simplicity, northern rigidity and work ethic, which in Milan, finds it’s natural habitat. Close to this plain, with the horizontal line of my Adriatic Sea, the horizon of my first and forever beloved place, was probably another deep, subconscious motive.

Through the plain are passing by and flowing easier people and ideas, and often dear animals. Life (život), animal (životinja) Tinja (Gleaming) / No Secrets / Once in a while just golden plenitude.

Dear tribe, follow me also on the another world.CLICK TO TWEET

Xena

Xena Face

Xena is the name that slipped into etimology of her surname: Zupanicžupa – signified the territorial and administrative unit of a tribe /

Xena je ime koje klizi u etimologiju svoga prezimena: otuđena svijest u slobodnome padu u jamu, u šupljinu jastva. Župa, u davnini je ponor, kraj bez sunca, osoj kojega prema suncu treba prevrnuti. Jedanput prevrnut, na pripeci, osoj je prisoj, maleni, omeđeni raj vječno blage klime: župa.

Xena Županić

Žudi za župom, ona, Xena Županić, za tim malenim prirodno omeđenim rajem, jedanput, možda dvaput u dosadašnjem životu viđenoga, tijelom taknutoga.

Iskalac svakodnevno zapalog sunca u šupljini župe, Xena je zdig i uzdig, katabaza i anabaza, JESTVINA svoga JESTVA.

Jest Xena tuđinka u Župi osoja, u Župi prisoja, u katabazianabaze i anabazikatabaze, neprepoznavajućisebe (Xena Juppanic), ona jede samu sebe, sve bogove i vragove ovoga imanentnoga svijeta.

Kolika je Xena, a ne tko je, evo pravoga pitanja, koliko je njezino protežno tijelo, koliko ga može još proždrijeti, rastrgati da došla bi do malih prirodnih granica Župe, evo pravoga odgovora, evo JESTOTE koja na koncu samo maleni je pojas u udolini, gladan i žedan i vječno osunčan.

Interview by Valerija Brkljac

Xena, una Sacra rappresentazione

Nuovo articolo di Francesca Sarah Toich per il sito di informazione online 5W dedicato a Xena Zupanic.

La Sacra Rappresentazione
La Sacra Rappresentazione   Xena, una Sacra rappresentazione

Xena, una Sacra rappresentazione

Xena, una Sacra rappresentazione. Ciò che sconvolge in Xena Zupanic è la sua purezza sconfinata, quasi intatta, folgorante sul palcoscenico come nella vita; pare infatti non esserci per lei distinzione tra pubblico e privato dato che Chiambretti girò parte delle puntate di Markette proprio in “casa Xena”. Parliamo della sua casa: un’opera d’arte, wunderkammer di testi esoterici e abiti sacri mescolati a qualsivoglia oggetto mistico.

Sacra rappresentazione.  Xena: attrice, regista, performer, ha attraversato la storia dello spettacolo italiano. Come lei stessa martirizza: “Il tremendo Carmelo Bene vedeva l’incarnazione della Beatrice dantesca in me. Beatrice non era una slavata, dolciastra, preraffaelitica ombra femminile, ma valchiria germanica, guida potente dei mondi oltremondani nella sua visione impegnativa. Bramava di realizzare una Divina Commedia, dove Beatrice guidava con passo da guerriera tra le tenebre cupe la luce accecante ad un Dante timoroso. La guerriera sul carro solare parmenideo, l’inarrestabile calamita salvifica per quelli che cercano. L’idea non fu realizzata perché ormai a nessuno importava scendere negli inferi e alzarsi in paradiso.”

Sacra rappresentazione. Musa di molti artisti, inarrestabile macchina performativa, Xena vede nel teatro qualcosa di simile al vero rituale, o meglio, a ciò che fu il vero teatro. Osservarla all’opera, sconcerta: non recita. Il suo corpo si fonde nello spazio catturando i presenti e gli assenti, portandoli quasi verso un’esperienza mistica.
Non a caso il museo Madre di Napoli ha realizzato recentemente un’importante opera di videoarte grazie a lei. Mystica, questo il titolo del lavoro, consisteva nella chiusura totale dell’artista in una chiesa sconsacrata di Napoli, senza cibo, senza nessuno che non fosse creato dalle sue allucinazioni, per 153 ore (tempo mistico). Ne risulta un video-spettacolo assolutamente slegato dal teatro contemporaneo. L’interprete Xena rivive infatti l’estasi. Non la riproduce, ma, esperendola, la dona agli spettatori.

Sacra rappresentazione
La sua bellezza ricorda il corpo androgino, perfetto dell’essere primordiale, qualità che fu notata e utilizzata da diversi registi. Può infatti scatenare idee all’infinito, come lei stessa ci racconta: “Il controverso e uno dei più originali cineasti italiani Marco Ferreri, vedendo la copertina dell’Europeo dove baluginava il mio torso nudo mi chiamò per parlarmi del suo progetto: il film su Atlantide, il continente perduto, dove la ricchezza e conoscenza hanno naufragato insieme con gli abitanti inermi. L’Atlantide come un miraggio concreto, una utopia realistica, un sogno veritiero…”
In effetti, vedendo uno spettacolo di Xena si cade in un sogno, da molti definito incubo.

La Sacra Rappresentazione
La Sacra Rappresentazione

Sacra rappresentazione. Difatti, la sua celebrità consiste anche nel suo comportamento infero. Perciò ho voluto chiederle: “Sei famosa per il tuo rapporto con l’Oscuro. Come fai a vederci laggiù?
“E’ proprio l’Oscuro quello che mi cura fornendomi l’acuta vista per non scivolare laggiù. Mentre nella luce del giorno la maggior parte della gente sculetta intimamente convinta di vivere avvolta in una luce progressiva e inarrestabile, io mi sfamo con la tintura nera dell’Oscurità. A volte sono una piovra gigantesca dagli abissi marini, a volte il ratto della fogna metropolitana con gli occhi purpurei che tagliano la tenebrosità. A volte anche l’aquila solare che vola verso l’astro nascente, conscia che l’Oscuro è la tenebra divina, l’eccesso della luce insopportabile. L’Oscuro cura la corruttibilità dell’essere una volta penetrato e riconosciuto. Salda nell’oscurità non scado, non diventando l’oggetto non mi metto in saldo.”
Parlare con Xena ricorda agli artisti la loro origine tellurica, ctonia. Oggi spaventa, dialogare sulla morte, sul nero… ma gli antichi popoli ne facevano elemento performativo.

Sacra rappresentazione.
Xena è bellissima, talmente bella che deve disintegrarsi come un quadro di Bacon, ogni giorno. E’ stata un’ambita modella ma da sempre preferì il teatro: “Moda è lo zerbino zebrato dove il Re-teatro appoggia il suo prezioso fango, portato da mondi immaginabili. Il Re-teatro mi ha forgiata in modo da distruggere tutte le mode del mio Io.”
Sono parole di origine balcanica, terra madre dell’artista, paese fieramente gremito di geni sregolati. La concezione di Xena nei confronti del teatro segna inequivocabilmente ogni suo lavoro: “Il teatro tratta dei defunti e quelli in procinto di morire. Nella sua struttura è una arte necrofila volta a riconoscere i trapassati, gli eroi e i meschini che ardono morire. Frequentare il teatro vuol dire trovarsi al cimitero quotidianamente, scrivere degli epitaffi assiduamente. Il mio posto sulla lapide: “Resusciti per morire”, indica la mia ferma convinzione che il teatro è eterno come l’uomo, come l’umano che ci circonda, è il sogno dei morti che una volta resuscitati non vedono l’ora di morire di nuovo.”
C’è da considerare il “memento mori” dell’artista come una riflessione tutt’altro che cupa. La morte pervade il suo istinto creativo, allo stesso modo del sacro e della pazzia. Proprio riguardo alla follia, l’attrice vorrebbe farne un film: “Il film sulla Sacra Pazzia che attraversa i punti nevralgici del mio corpo. Convinta che solo “pazzia” possiede la purezza salvifica mi consolo attentamente seguendo i motti più impercettibili che guizzano dentro la mia Oscurità feconda…”
E’ molto divertente stare in compagnia di Xena, estremamente colta e dolce: si ha la sensazione di avere a che fare con una creatura non del tutto umana. C’è chi l’ha chiamata donna-vampiro, chi musa, chi demone. Vederla lavorare ricorda inoltre la vecchia scuola teatrale fatta di concentrazione e totale abbandono all’essere sulla scena.
Senza finzioni, senza esitazioni. Sì, Xena fa paura, ma solamente perché risulta incredibile la sua totale estasi e immersione in ciò che sta esperendo, qualsiasi sia il ruolo assegnatole. Una vita dedicata interamente alla scena e all’arte, costellata di incontri straordinari e di duro lavoro quotidiano.
Interessantissimo il rapporto con la figlia, Persefone Zubcic, fotografa di grande talento che ha più volte usato la madre come soggetto, anche nella sua ultima mostra dal titolo C/Orpo.
Il loro rapporto si snoda in una sinergia creativa e simbolica ben definita da Xena con queste parole: “Persefone. La seguo mentre si trova dietro le mie spalle. Lei guarda il mio operato che una volta seminato diventa un esteso campo minato pieno d’insidie. Come nel sonno dei morti lei si muove in continuazione lungo i perimetri del campo minato evitando le trappole materne. La immagino gigante che una volta uscita dal campo mi porta sulle sue spalle, porta me, nana. Così incamminate penetriamo l’orizzonte immediato davanti a noi.”

Sacra rappresentazione
Dovremmo essere fieri di avere con noi in Italia un’artista così poliedrica e geniale quale è Xena.
E’ come dare asilo ad un essere mitologico, scappato da chissà quale mondo, per venire nel nostro a portare l’arte, attraverso le tenebre.
Pensandola, non posso evitare di ricollegarla al famoso motto alchimista: “Obscurum per obscurius, ignotum per ignotius (Andare verso l’oscuro e verso l’ ignoto attraverso ciò che è ancora più oscuro e più ignoto)” ed essere terribilmente tentata di seguirla…

Xena Zupanic intervista andymagazine

XENA ZUPANIC intervista andymagazine

 

Xena. E’ quel bisillabo che non ho mai smesso di esplorare. E insisto. Di amare. Da quella sera che l’ho intercettata per puro caso che transitava nel circo del nano telegenico, smisurato bisillabo, lei, Xena, madornale equivoco, che più si disapprovava e più urlava, più accadeva e più cadeva, se non altro nella infinita accoglienza delle mie bisognose vene. C’era bisogno di lei. C’era bisogno di Xena. Ma nessuno lo sapeva. Non lo sapeva certo il nano telegenico. Non lo sapevano gli altri. Xena ha trasformato l’immondo circo nel suo dizionario privato, si è vendicata così, donandogli una dignità inconcepibile, strappandolo pezzo a pezzo, suono a suono, dalla mortaccina nomenclatura dei titoli di coda. Lucidandoli febbrile quei gusci vuoti fino a farli diventare oro zecchino. Ascoltando come fosse Vangelo il rumore fesso delle armature. Xena rincasava ogni volta che era buio, odorosa ancora di spazzatura, ma eccitata come una bambina perché si trattava ora di truccarla la nausea, tirare il collo a quel fetore. Qualcosa d’impubblicabile ne sarebbe uscito.

E sì che avrebbe potuto con le sue affilate unghie di bambina insonne sezionarli e appenderli al gancio della sua macelleria notturna, nel cuore di Milano, e sarebbe stata allora una donna e soprattutto un bisillabo felice, ma ha preferito eroicamente straziarsi nell’obitorio a tempo pieno della parola. Ha fatto gli straordinari e il risultato è straordinario.

Insonne e maniaca, si è vendicata anche della sua bellezza e del suo passato. Onnipresente a se stessa. Si è sfiancata lavorando al corpo il proprio e altrui misfatto. Strafatta e pallida si è lasciata fare e invecchiare, sapendo che il genio alchemico era tutto dalle sue parti, nelle sue stanze, nel suo bisturi. Leggetela, se volete, immaginatela se potete. E’ qualcosa che brucia. Non so se è la luna. Ma ha le occhiaie e la bocca grande.

Ha aspettato delicata qualcuno, il Bruto di turno che venisse a salvarla o almeno ad assassinarla. Alla fine lo ha trovato, ma pure lui aveva lo stravizio della parola. Si è accontentata allora di una prefazione.

Giancarlo

 

XENA ZUPANIC intervista andymagazine

 

casa xena
xena zupanic cassa xena chiambretti markette

Attrice per il teatro, per il cinema e modella di grande successo. Xena Zupanic una vita dedicata all’Arte.

 

Durante l’infanzia Xena si dedicò all’esercizio sontuoso dell’organo nella chiesa del suo paese natale, che la mise in contatto il movimento trascendentale verso l’Uno. Il lavoro d’attore, a suo parere, è la pretesa ambiziosa di abbracciare la realtà invisibile rendendola densa. L’arte invece, per Xena, è la realtà più immediata, più penetrabile, l’intuizione istantanea che pianta il suo essere nel luogo e nel tempo giusto senza nessuna spiegazione.

Xena, tu sei un personaggio molto particolare. Ti sembrerà strano ma la prima cosa che vorrei sapere di te è che tipo di bambina eri da piccola e come hai trascorso la tua infanzia…

Da piccola sentivo il sostanziale mistero del mondo, un mistero denso, inquietante, proteso ad esercitare su di me una pressione fatale che ha svegliato nel mio profondo la volontà di interpretarlo. Il mondo degli adulti era la realtà da spiare, stando nascosta dentro l’ombrosità della mia anima timida e curiosa. Il mio intelletto era la puledra selvaggia e i miei modi pudici la maschera convenzionale. Da piccola recitavo per placare, per esorcizzare l’energia sovrabbondante esercitando la mia voce che dissipava le nebbie del procedere quotidiano. Il teatro offriva una via di uscita nel e dal mondo, una strada parecchio battuta ma mai esplorata in fondo.

Tu sei nata in Croazia, a Labin, dove ti sei laureata in Filosofia e Storia dell’Arte all’Università di Zara e Diplomata all’Accademia d’Arte Drammatica di Zagabria. Come ci sei finita qui in Italia, per l’esattezza a Milano e perchè?

A Milano si arriva per puro caso e si rimane per militare guadagnando un destino duro, più distillato e più puro. Milano ti fa concentrare le forze, affilare la tua intenzione e la tua vena creativa. Milano è la base, il giusto punto d’apertura verso i traguardi internazionali, verso il mondo intero; la città, dove l’energia circola sana, pronta a soddisfare in maniera efficiente i nostri bisogni più materiali. Milano è un campo neutro di energie protese a realizzarsi altro

Il tuo curriculum è davvero impressionante! Hai fatto o che nasci come modella, o prima come attrice di teatro? Un’infinità di cose. Saresti in grado, in breve, di raccontarmi un po’ del tuo percorso artistico? 

Il teatro è stata la via maestra. Il mio percorso artistico è una ricerca autonoma, libera; tutti i progetti sia teatrali sia cinematografici corrodono l’idea della mia incompletezza. Il mio percorso, una partita a scacchi dove il più forte procede in avanti guardando obliquamente il campo vitale che si prostra davanti a lui. La modella guadagna il pane quotidiano, l’attrice di teatro quello celeste e più duraturo. L’esercizio dell’attore soddisfa l’anima nel corpo, facendo lavorare le sue parti più nobili, più alte. Il mio percorso artistico è marcato dalla sigla AMA: l’attrice che riposa nel ruolo di modella proseguendo verso la sua strada maestra.

Quando hai iniziato a sentire dentro di te questa irrefrenabile indole artistica?

L’indole artistica innata nasce con te nell’utero della Grande Madre. Crescendo si allarga a dismisura, sempre affamata, da sempre divoratrice del tempo e dello spazio a nostra disposizione. La sua vibrazione è presente dal mio primo ricordo, dal primo assaggio della realtà circostante. Sentire l’indole artistica è indissolubilmente legato alla domanda capitale: “Che cosa è l’arte”. L’arte è l’unico mondo dove succedono i miracoli, dove un dio sovrannaturale non è strettamente necessario.

Tra i videoclip che hai girato, gli spot pubblicitari, i film, gli spettacoli teatrali e i programmi televisivi, c’è un’esperienza che ti ha appagato particolarmente e che ricordi sempre con piacere?

Lavorare con la gente particolare ma semplice e umana. Stare ore e ore con l’oramai trapassato fotografo Franco Scheichenbauer nella sua camera oscura, lavorando su ogni fotografia alla maniera degli antichi alchimisti medioevali. O sentire dolce Helmut Newton che come un bambino chiede la tua partecipazione assoluta per un esito perfetto. Conversare con il grande Marco Ferreri, il regista più originale del cinema d’autore italiano. L’incontro più particolare è legato alla sigla leggendaria: C.B. = Carmelo Bene. Bene era per me un Bene platonico, la vetta antiplatonica più alta che dissacra se stessa incensamente. Amare senza risparmio, senza tornaconto era il suo dono più sottile che poteva darmi.

Ad oggi di cosa ti stai occupando? Hai in mente qualche nuovo progetto da realizzare?

Oggi la mia ricerca artistica verte a esplorare il linguaggio mistico con una particolare attenzione alla mistica femminile cattolica. Maria Maddalena de Pazzi, la santa fiorentina del ’700, la mia stella guida. Produrre il film “sismografo” che sarà capace di segnare ogni motus cordis, ogni trepidazione, ogni tocco d’anima pura e infocata sarà il mio prossimo compito. Già nel museo “Il Madre” di Napoli, il mio sforzo artistico era proteso a rivivere nei tempi moderni il vissuto mistico, il comportamento e il movimento d’anima mistica in uno spazio chiuso e controllato a distanza.

Schermata 06-2457568 alle 23.13.29
casa xena piero chiambretti la 7

Come mai da un po’ di anni a questa parte adotti questo look decisamente gotico e dark, se così si può definire…

Non esiste un mio look prestabilito, creato ad hoc, come non esiste un personaggio Xena artificialmente piantato sulla scena di un mondo virtualmente plastificato. Xena è dark in quanto è la nigredo, la sostanza nera alchemica che una volta superata indica lo stato di albedo, la bianchezza della conoscenza così tanto aspettata. Mi sento come le soluzioni chimiche che velocemente cambiano la sostanza e colore trasformandosi incensamente nelle mani che mi muovono dal basso o dall’ alto, non saprei dire.

La tua è stata una vita davvero intensa fino ad oggi e immagino piena di soddisfazioni. Che cosa ti aspetti dal futuro e che tipo di donna ti hanno fatto diventare tutte queste esperienze?

Dal futuro mi aspetto che si dichiari una volta per tutte e che ci sveli finalmente la sua esperienza. Il futuro è una struttura che funziona senza i soggetti esistenti. La sua esistenza è dubbia. Il futuro è già dietro le nostre spalle fragili e la mia esperienza umana mi porta a pensare che migliorerà ogni giorno guardando me stessa allo specchio presente senza domandarmi niente. Una guerriera più affilata, sottilmente moltiplicata, coprendo lo spazio e il tempo che non riuscivo prima neanche immaginare.

So anche che il tuo approccio alla vita non è certo dei più rosei, forse proprio a causa della tua intelligenza, sensibilità e grande consapevolezza. Con che filosofia di vita affronti la vita di tutti i giorni?

La vita si risolve con la botte: una botta al cerchio, l’altra alla linea dritta, prossima al triangolo divino che rimbomba soave persuasivo. Tutte le botti insieme formano una musica potente e sofisticata che marcia verso la soluzione di quasi tutti i nostri problemi fenomenologici. Dammi una botta e ti darò la risposta. Così è la vita che vuole sempre la botte piena e la moglie ubriaca. Mi specchio sovente in me stessa vivendo in maniera ora più complessa, ora più rudimentale la mia vita quotidiana.

xena zupanic casa xena
foto perrsefone zubcic, andy magazine

 

 

”La mia meta è il mito della metà”

 

Intervista all’artista Xena Zupanic:”La mia meta è il mito della metà”

Xena Zupanic

è un’artista immensa. Vanta molte lauree, è scrittrice, attrice, modella, performer e non smette mai di stupirsi(ci). Dalla Croazia ha deciso di vivere in Italia, oramai da moltissimi anni, facendo da modella a grandi fotografi, e partecipando a spettacoli teatrali e programmi televisivi. Ha scritto libri e fatto performance e nella sua profondità artistica non dimentica di esistere.

I dialoghi sono primitiva intelligenza spesso o a volte.


Evoluzione come partecipazione spinta.
[Io e Xena ci siamo scontrate.]

Evoluzione è un movimento dei dadi: ALEA JACTA EST.

Correre l’alea in un stato d’ebrezza emotiva, con passo profondo raggiungere CATABASIS e ANABASIS logoranti, presuppone evolversi in un paesaggio Macbethiano, dove il muro degli alberi della foresta è in marcia, in movimento verso il nostro (mio) Io, perennemente attaccato e decapitato.

Non so chi sei ma avrai.

HOSTIS HOSPES [straniero(nemico)/ospite].

Non so chi sono, ma avrò me stessa nel momento del distacco dal mio Io illusorio.

Lo stesso: l’apertura verso l’altro mi dona, a me stessa, al prossimo.

L’ignoto, il buio, viene prima rischiarato e dopo illuminato nel processo della diagnosi quotidiana. Illeggibile diventa leggibile mentre senza conteggio, mi dono.

Non so chi sei, straniero (Hostes)

Il Nemico, l’Ospite, l’ostrogoto selvaggio?

Questa notte ti ospiterò, perché ospito me stessa.

Presto, presto, mio Caro, perché il nuovo giorno ruberà il mio ostello, la mia dimora provvisoria.

Il portamento è un tormento al cambiamento.

Il portamento è sempre una cosa ignobile. Un peso schiacciante caricato dall’infanzia, ben predisposto sul nostro volume corporeo. Il portamento non lo lasciamo mai fuori dalla porta. E’ un amante appiccicato addosso, un parassita spensierato con la fissa dimora. Bisogna sorprenderlo, estraniandoci a noi stessi in un movimento fulmineo, decisivo. Prenderlo per il collo e scrollarlo addosso, senza pietà (come potrebbe farlo l’ispettore Ginko con il suo acerrimo nemico Diabolik). Solo dopo questo movimento incomincia a soffiare la brezza marina: con la barba da lupi di mare salpiamo dal porto leggeri verso non so chi, verso non so dove.

Decidi tu quale sogno sei.

Quando ho deciso quale sogno sono ho smesso di sognare. A che serve?

I sogni vengono in quanto abbiamo deciso di abbandonarli.

Finché hai ancora parole puoi urlare.

Si urla anche senza le parole. Il pozzo profondo dentro di noi, con la luna insanguinata, produce l’effetto Pavlov nel nostro essere animalesco: senza parole abbaiamo verso il fondo, ossessivamente, con la speranza sempre giovane, sempre nuova.

Il sentimento è un gradimento che marcisce allo smarrimento, tormento, momento.

Il sentimento marcisce sempre: non è un antico egiziano, monumentale ed eterno, un etrusco che ancora fresco danza al di là.

Senti sentimento: tante volte menti con il gusto piacevole, gusto di menta appena sopra il mento, tu, il menestrello di te stesso.

Adesso, voglio menarti, mentre sei mencio, io Menade che gradisce lo smarrimento.

Sei libera ma vuoi urlare.

Si urla in quanto siamo liberi. Solo l’urlo di un uomo selvaggiamente libero fa riconoscere che lui veramente esiste.

Ur – uomo, urla

La tua meta è metà

La mia meta è il mito della metà. Amo il puro mito per non illudermi di credere che esiste la vera metà.

La metà è un’entità spuria: si mette sempre in mezzo per inquinare la parte genuina.

La fonte corrisponde al dubbio di rimanere.

La fonte sempre richiama e noi non possediamo la magica cera d’Odisseo che la preservò dalle Sirene. Il dubbio si coltiva nel silenzio profondo, privato dal brusio delle voci, del canto, del sonoro. Appena infranto il silenzio, miserabilmente scompare nel Niente: il canto della Fonte è un phonè potente che richiama la barca d’epistrofè. < Plotino – il ritorno al Padre (Fonte)

Sostanza in essenza sotto forma di clessidra

Nella quale parte di clessidra mi trovo mentre la sabbia scende inesorabilmente?

Sepolta viva (urlare non posso più) o nella parte vuota, conica, dove le mie grida rimbombano dentro le pareti di vetro chiuso ed angosciante?

In ogni caso, sono io la sostanza, la pura essenza di clessidra: rubata al tempo, non temo il termine.

[di Luciana Cameli]

No TweetBacks yet. (Be the first to Tweet this post)